Un antico proverbio dice che squadra che vince non si cambia: questo vale nella vita, ma nel mondo dei videogiochi diventa una vera e propria regola aurea, perché nel momento in cui

viene scoperta una formula che piace al più pubblico, questa viene riproposta in tutte le salse possibili in modo tale da trarne profitto basandosi sulla più o meno momentanea popolarità. Questo comporta spesso che da buone idee iniziali si arrivi ad un ristagno vero e proprio, ma per fortuna i Traveller’s Tales  con la serie Lego riescono ancora a convincere uscita dopo uscita.

LEGO Gli Incredibili (qui tutte le recensioni italiane), disponibile su Playstation 4 (la versione da noi testata), Xbox One, PC e Nintendo Switch, per noi italiani è una sorta di piacevole anteprima rispetto al secondo lungometraggio animato dedicato alla famiglia Parr, composta dai supereroi di casa Pixar – Disney e che arriverà nelle nostre sale soltanto a settembre. Il videogame in realtà è un mix di situazioni presenti sin nel primo (in particolare la parte finale) che nel secondo film per un vero e proprio mix che sarà sicuramente amatissimo dai fan.

Come si diceva in apertura squadra che vince non si cambia e così resta invariato il sistema fondamentale della serie, che consiste nell’utilizzo di personaggi multipli (switchabili tramite pressione del tasto triangolo su PS4 in tempo reale) da soli o in cooperativa per venire fuori dalle varie situazioni, siano esse di combattimento che di puzzle solving. Il tutto in un contesto sempre più free roaming come vuole il trend videoludico degli ultimi anni.

Potrete così prendere il controllo diretto dei vari membri della famiglia per un roster di personaggi che arriverà a 113 sbloccandoli tutti, provenienti non solo dagli Incredibili ma anche da altri universi immaginifici Pixar. La cosa che più ci ha colpiti è che ogni personaggio è stato reso alla perfezione: dal punto di vista del gameplay infatti sono stati massimamente differenziati e controllarli dà un profondo senso di soddisfazione, perchè di ognuno sono state prese le caratteristiche fondamentali e rese al meglio.

Anche dal punto di vista tecnico il titolo si difende piuttosto bene. I personaggi sono realizzati con la massima cura, non solo il loro dettaglio è sorprendente, ma le loro animazioni hanno davvero del maniacale: ogni personaggio ne ha di specifiche e tutte sono realizzate in maniera ottimale. Peccato soltanto per qualche leggero calo di frame rate nelle situazioni più caotiche in cui ci ritroveremo.  Più che discreto il sonoro, con musiche orchestrate in modo convincente che però non brillano per particolari guizzi creativi, mentre il doppiaggio in italiano si attesta davvero su buoni livelli.

Non così convincente invece la longevità visto che LEGO Gli Incredibili, oltre ad essere piuttosto semplice (ma sicuramente per una scelta di “target” anagrafico) si conclude dopo 5-6 ore. Alcune modalità extra, in particolare Crimini a Ondate, potranno aumentare un po’ l’esperienza di gioco ma non in modo particolarmente esponenziale.

IN CONCLUSIONE
Lego Gli Incredibili come e più degli altri titoli LEGO è destinato principalmente ad un pubblico molto giovane, in particolare ai fan dei personaggi Disney – Pixar. Nel caso in cui siate fan di vecchia data dal primo film della serie, prendetelo in considerazione se la ridotta longevità ed un livello di sfida non particolarmente elevato non sono per voi problemi insormontabili. Il mix di TT Games risulta sempre piacevole se pur non particolarmente originale, soprattutto se vissuto in compagni di un “player 2”.

VOTO: 7

Acquista su Amazon.it

Commenta con Facebook